Igiene domestica a prova di bambino: ecco come e perché

Articolo scritto dal Dott. Giuseppe Longobardi

In alcune specifiche fasi della crescita, il bambino diventa attivo esploratore dell'ambiente che lo circonda e utilizza la bocca come strumento di conoscenza. Consigli per le mamme e i papà di bambini tra i 6 e i 18 mesi.

I bambini ci stupiscono sempre per la loro grande capacità di cambiamento: da un momento all’altro acquisiscono competenze e capacità che non ci saremmo aspettati.

In particolare l’età che va dai 6 ai 18 mesi è ricchissima di cambiamenti legati allo sviluppo psichico e motorio del bambino e al suo desiderio di esplorare l’ambiente circostante.

A partire dai 6 mesi (quando il bambino inizia a mantenere la posizione seduta ed è in grado di afferrare un oggetto a portata di mano e passarlo da una mano all’altra), fino ai 18 mesi (quando oramai è autonomo negli spostamenti e sa manipolare gli oggetti con grande perizia), il bambino utilizza la bocca come strumento di conoscenza. Per un bambino in questa epoca della vita afferrare un oggetto e metterlo immediatamente in bocca è tutt’uno, perché attraverso la bocca il piccolo esplora e riconosce le proprietà degli oggetti: sapore, forma, consistenza.

Strisciare, gattonare, muovere i primi passi, esplorare con le mani e con la bocca sono esperienze assolutamente indispensabili per la crescita e lo sviluppo motorio e psichico del bambino. Ecco perché noi pediatri consigliamo che il bambino sia libero di giocare, su un tappeto o sul pavimento (e non nello spazio confinato di un box) ed esplorare l’ambiente domestico, sotto la costante supervisione di un adulto.

In questa fase, ovviamente il piccolo è più esposto al rischio di contrarre infezioni perché, per il contatto con pavimenti e superfici e per l’abitudine di portare mani e oggetti alla bocca, è più facile il contatto con virus e batteri normalmente presenti negli ambienti domestici.

Nell’attesa che il suo sistema immunitario maturi completamente e sia capace di rispondere alla maggior parte delle infezioni (processo che inizia gradualmente a partire dalla nascita e si completa attorno ai cinque anni di età) è utile curare con particolare attenzione l’igiene nelle nostre case per limitare la possibilità di infezioni.

E’ necessario quindi adottare accurate misure di igiene delle superfici, ma anche dei giocattoli e degli oggetti di uso comune con cui il bambino viene a contatto.

Ecco alcuni consigli.

Pulizia di pavimenti e superfici

Occorre regolarmente pulire e igienizzare i pavimenti e le superfici con cui il bambino entra in contatto.

Per rimuovere la polvere è preferibile utilizzare un aspirapolvere con filtri HEPA - High Efficiency Particulate Air Filter. Per la pulizia è importante utilizzare un detergente-igienizzante, per rimuovere sporco, virus e batteri.

PULIZIA DEI GIOCATTOLI

Per i giocattoli in plastica dura o gomma:

- verifica che siano lavabili in lavastoviglie;

- se è un giocattolo utilizzato durante il bagno del bambino, assicurati che non contenga acqua sporca;

- mettili nel cestello superiore della lavastoviglie ed usa un lavaggio a caldo;

- fai un ulteriore lavaggio senza sapone per assicurarti che tutto il sapone sia stato eliminato;

- asciugali con aria calda.

Si possono anche utilizzare le pistole a vapore o prodotti igienizzanti, avendo cura di risciacquarli bene.

Per i giocattoli in stoffa e i pelouche:

- controlla che siano lavabili in lavatrice;

- usa un programma con temperatura di almeno 60° (i programmi a bassa temperatura non assicurano una adeguata disinfezione) oppure utilizza cicli di lavaggio a temperature più basse utilizzando un additivo igienizzante in aggiunta al normale detersivo.

Per i giocattoli in legno o metallo o a pile:

- usa salviette igienizzanti monouso, avendo cura di passare un panno umido dopo l’uso per rimuovere eventuali tracce di prodotto.

Ricorda di igienizzare anche il contenitore dove vanno riposti i giochi puliti e di pulire i giocattoli:

- almeno una volta al mese (una volta la settimana in periodo influenzale);

- dopo una malattia del bambino;

- se sono stati toccati da molti altri bambini (per esempio dopo una festicciola);

- ogni volta che ti sembrano sporchi.

NON DIMENTICHIAMO MAI LA SICUREZZA!

Ma attenzione! A volte gli stessi prodotti che utilizziamo per proteggere i nostri bambini dalle infezioni possono stimolare la loro curiosità ed essere molto pericolosi se ingeriti accidentalmente.

Creare una casa sicura e totalmente “a prova di bambino” è un compito delicato, poiché è necessario conciliare sicurezza e libertà di esplorazione.

Ecco alcuni consigli per prevenire gli incidenti e per sapere cosa fare in caso di ingestione accidentale:

- non mettere sostanze pericolose in contenitori differenti da quelli originali;
- non togliere le etichette dai prodotti utilizzati per la pulizia e l’igienizzazione;
- tenere i prodotti di pulizia fuori della portata dei bambini (in alto, in un armadietto chiuso a chiave o con un blocco di sicurezza);
- tenere sempre a portata di mano il numero del Centro Antiveleni e, in caso di necessità, comunicare la composizione del prodotto ingerito leggendo l’etichetta sulla confezione.

(Articolo apparso in origine su Amico Pediatra)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Igiene del bucato: come utilizzare correttamente la lavatrice
Sport e igiene: amici dei bambini!
RITORNO A SCUOLA, SICUREZZA DELLE PERSONE